Pe viche e vicarielli: Pio Monte della Misericordia – la storia e l’innovazione si incontrano

Pe viche e vicarielli La rubrica di Gabriella Galbiati

Cultura, arte, storia convivono al “Pio Monte della Misericordia”:https://www.piomontedellamisericordia.it/. Sita in via dei Tribunali, l’istituzione è nata nel 1602 per volontà di sette nobili napoletani con lo scopo di aiutare le persone indigenti attraverso opere di carità.

Un luogo che vale la pena visitare anche solo per le “Sette Opere di Misericordia”, il dipinto con cui Michelangelo Merisi, meglio conosciuto come Caravaggio, è riuscito a rappresentare le azioni che ognuno può compiere non solo per guadagnarsi “il posto in Paradiso” ma per esprimere solidarietà e amore verso l’umanità. Un quadro imponente, situato nell’altare maggiore della cappella, che riesce ad emozionare i tanti turisti che si accalcano per ammirarlo.

Ma da domenica 8 ottobre c’è una novità degna di nota e che va incontro alle esigenze di oggi.

“Caravaggio inSegni!” è un’iniziativa, ideato dal Pio Monte della Misericordia e l’associazione culturale Curiosity Tour, che permette di raccontare l’arte in LIS attraverso l’uso di tablet e di una guida bilingue (italiano e lingua dei segni). Un progetto ed un esempio di integrazione culturale, di sensibilizzazione e di turismo accessibile, che permetterà ai visitatori non udenti di godere appieno della bellezza storica e artistica del luogo. Una vera e propria opera di misericordia.

Gabriella Galbiati