#mangioergotwitto: Cannabir – la birra alla canapa “buona” in tutti i sensi!

#mangioergotwitto La rubrica di Maria Consiglia Izzo


Cannabir3

Giovani (e non solo) all’appello: c’è una buona novità nel panorama delle birre artigianali campane! Il birrificio sannita Alkimia lancia la “Cannabir“, una birra artigianale prodotta con l’aggiunta di fiori e foglie di canapa.
Sia la birra che la canapa hanno una storia millenaria. In particolare, la birra è la prima bevanda alcolica prodotta dall’uomo (le prime tracce risalgono agli assiro-babilonesi), mentre la canapa per molti secoli è stata utilizzata dall’uomo per produrre abiti, corde, mangime e persino carta (la Bibbia di Gutenberg, il primo libro stampato con la tecnica dei caratteri mobili, fu realizzata nel 1453 su carta di canapa importata appositamente dall’Italia). La Campania è stata per molto tempo uno dei maggiori produttori di canapa in Europa.

Alkimia ha pensato di unire questi due elementi per realizzare un prodotto unico. Ultima arrivata in casa Alkimia, la “Cannabir” è una tripel ad alta fermentazione, di colore ambrato, da 9° gradi alcolici, aromatizzata alla Cannabis Sativa, più comunemente nota come “canapa indiana” (priva del principio attivo THC e, quindi, legale). Questa particolarissima birra presenta all’olfatto profumi di malto e sentori fruttati, con un leggero aroma di pesca sciroppata, equilibrato da un etilico piccante e pungente. Il calore gustativo è evidente, ma ben bilanciato da una decisa secchezza che lascia la bocca pulita e pronta per un altro sorso. L’attacco al palato è un delicato fruttato di giuggiola e papaya. L’amaro del luppolo e della cannabis arriva subito dopo, non è troppo invadente e ha i decisi sentori di erbaceo tipici della canapa che la completano nel finale restando a lungo nella bocca. Va servita ad una temperatura tra i 7 e i 10 gradi.

Il birrificio Alkimia di Montesarchio produce, oltre alla “Cannabir”, sei tipologie di birra: una blanche al bergamotto e coriandolo, chiamata “Stregabianca”; una più beverina golden ale, la “Abracadabra”; una più decisa strong ale, “Cagliostro”, birra ambrata da 7 gradi alcolici; la stout “Streganera”, con note mielate di caffé e cioccolato; la “Artemisia”, una particolarissima saison con scorza d’arancia e pepe nero; ed un’American Pale Ale, la “Cabala”, caratterizzata dai luppoli americani.
In cosa differisce la birra artigianale da quella industriale? Principalmente, le birre artigianali vengono realizzate con ingredienti di altissima qualità, esclusivamente con malti d’orzo e, in qualche caso, frumento o avena, non sono pastorizzate né filtrate e vengono rifermentate in bottiglia.
Le birre Alkimia, che l’anno scorso furono scelte per girare alcune scene del film di Michela Andreozzi “Nove lune e mezza”, quest’anno sono entrate a far parte delle eccellenze italiane recensite dalla prestigiosa guida Slow Food.

Maria Consiglia Izzo