Pe viche e vicarielli: Il ritorno a Napoli di Carlo Montarsolo

<h3><i>Pe viche e vicarielli </i>La rubrica di <a href=”https://twitter.com/GabriellaGalbia?lang=it&lang=it” target=”_blank”>Gabriella Galbiati</a></h3>

<!–more–>

Oceano 1. 1993, olio su tela, cm 80x90

C’è chi la rappresenta in musica, chi la racconta in uno spettacolo teatrale e chi ne dipinge la passionalità e la veracità attraverso una particolare tecnica pittorica.

È il caso di Carlo Montarsolo, pittore autodittata e tra i più interessanti artisti della pittura italiana astratta che attraverso l’esaltazione del dato cromatico ha rappresentato Napoli e la sua cultura.

Dal 13 gennaio al 3 febbraio 2018, nelle sale espositive di Castel dell’Ovo, potrete ammirare alcune delle sue opere grazie alla retrospettiva Carlo Montarsolo. Ritorno a Napoli.

Oltre 50 opere raccontano una parte del percorso artistico di Montarsolo e in particolare quelli che si legano alla città. Il mare e il Vesuvio sono tra i protagonisti di una mostra che vi invitiamo a visitare per avere una nuova visione di Partenope.

Nuvole tempestose sul vesuvio, 1981, olio su tela, 60x80cm

Info: http://www.carlomontarsolo.it/

Gabriella Galbiati

<a class=”twitter-timeline” href=”https://twitter.com/napolitwitta/lists/napoli-in-diretta1” data-lang=”it” data-height=”1000″>A Twitter List by napolitwitta</a>