Pe viche e vicarielli: viaggio nell’Antica Roma al Pausilypon

Pe viche e vicarielli La rubrica di Gabriella Galbiati

Attraversando la Grotta di Seiano (un traforo di 770 metri), si giunge al Pausilypon che non basta definire parco archeologico per la bellezza storica e naturalistica che offre.

Dopo la battaglia di Azio del 31 a.c., il liberto Publio Vedio Pollione costruì una villa nella zona compresa tra la Gaiola e Bagnoli, per trascorrere gli ultimi anni della sua vita nel “sollievo dal dolore”. Decise quindi di giovare di tutti i piaceri supremi della vita, facendo edificare anche un teatro di 2000 posti, oggi cornice di spettacoli ed eventi musicali d’estate, un Odeon, riaperto e visitabile recentemente, un ninfeo e un complesso termale.


Ad oggi il sito, oltre ad essere visitabile in alcuni punti grazie a delle guide esperte, ospita manifestazioni culturali ed è circondato da uno dei panorami più belli della città, che vi consigliamo di ammirare soprattutto nelle ore del tramonto. A ciò, aggiungete la possibilità di visitare il Parco Sommerso della Gaiola.

Se non ci siete mai stati, quest’estate informatevi sulle associazioni che organizzano visite guidate, spettacoli e percorsi naturalistici per approfittarne.

Gabriella Galbiati

Ricevi su Whatsapp Pe viche e vicarielli, i racconti di Gabriella

Salva il numero di NapoliTwitta +393925784371

Invia un messaggio WhatsApp: Racconti ON