Twitter svela i gioielli nascosti di Napoli

Vi proponiamo una selezione di gioielli artistici partenopei, sconosciuti a tanti ma non a twitter…

Napoli_-_Palazzo_Venezia4

Palazzo Venezia, risalente al XV sec., fu donato da Ladislao I di Napoli alla Serenissima Repubblica di Venezia come abitazione per i consoli generali a Napoli. Di particolare interesse è il giardino pensile con la ‘Casina Pompeiana’.

biblioteca girolamini

Biblioteca dei Girolamini, opera d’arte del XVI sec. frequentata assiduamente da Giambattista Vico, la biblioteca custodisce quasi 160mila libri, di cui 6.500 opere musicali dal XVI al XIX sec. Gli affreschi risalgono al XVIII sec. e sono di Pietro Bardellino.

affreschi chiostro del carmine maggiore

Chiostri del Carmine Maggiore, locati nei pressi di Piazza Mercato e comprende il chiostro degli affreschi, eretto alla fine del XVI sec., dove sono raffigurati dipinti di Giovanni da Pistoia e Francesco Balducci da Firenze. Il complesso ha vissuto l’assedio durante la rivolta di Masaniello.

Palazzo_dello_Spagnolo_-_Naples

Scala del Palazzo dello Spagnolo, in via Vergini, quartiere Sanità. Meravigliosa opera d’arte del barocco napoletano, costruita nel 1738, con scale ad “ali di falco” e decorazioni in stucco in stile rococò.

belvedere monte echia

Belvedere di Monte Echia, una collinetta di tufo che affaccia sul Golfo di Napoli, sito in borgo Santa Lucia ed è qui che i Cumani fondarono, nel VIII AC, Parthenope. Accanto la villa di Lucullo sorge un bellissimo belvedere